Usa. Contrabbando d’arte internazionale. Il Metropolitan Museum of Art restituisce all’Italia “tesori rubati”

Usa. Contrabbando d’arte internazionale. Il Metropolitan Museum of Art restituisce all’Italia “tesori rubati”

AgenPress – Il più grande museo degli Stati Uniti, il Metropolitan Museum of Art di New York, sta affrontando un controllo crescente da parte della polizia e degli agenti federali che indagano sul contrabbando d’arte internazionale.

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha ottenuto nove mandati di sequestro di opere antiche dal Met dal 2017, secondo i documenti esaminati dall’International Consortium of Investigative Journalists e condivisi con il partner di segnalazione Finance Uncovered . Sei di questi mandati risalgono solo all’anno passato e coprono più di 30 antiche reliquie.

In tutto le opere che saranno restituite dal Met hanno un valore di 13 milioni di dollari: tra queste, con una stima di tre milioni, la testa colossale in marmo di Atena datata al 200 avanti Cristo e una ‘kylix’ di terracotta attribuita al Pittore di Villa Giulia con una datazione a circa il 470 avanti Cristo che il Met aveva acquistato dalla galleria di Becchina a Basilea nel 1979. Un altro pezzo, una statuetta di terracotta di una dea datata a circa il 400 avanti Cristo, era stata donata nel 2000 da Robin Symes, il gallerista britannico coinvolto nella vendita della colossale Venere di Morgantina, acquistata dal Getty nel 1988 per 18 milioni di dollari e restituita all’Italia nel 2007.

La procura di New York ha sequestrato 21 opere d’arte di età classica rubate in Italia e che la prossima settimana saranno restituite. Altre sei opere confiscate al Met saranno rimpatriate in Egitto. Secondo gli investigatori, tra i pezzi ‘italiani’ illegalmente acquistati dal museo, otto erano entrati nelle collezioni tramite Gianfranco Becchina, un mercante d’arte siciliano con galleria in Svizzera al centro di vari processi in Italia.

Nel più grande sequestro fino ad oggi, a metà luglio, agenti statali e federali hanno confiscato 21 opere antiche presumibilmente rubate per un valore di oltre 11 milioni di dollari. Le reliquie includevano una testa marmorea della dea greca Atena del 200 a.C circa e una coppia di statue dei mitici fratelli greci Castore e Polluce che risalgono all’impero romano, secondo un mandato di perquisizione .

Un altro mandato contro la prestigiosa collezione – questo per un pezzo del sesto secolo raffigurante una divinità indù dell’India odierna – è stato firmato da un giudice martedì. Il pezzo rimane presente nel catalogo digitale del museo.

“I numeri stanno rapidamente aumentando”, ha detto Tess Davis, direttrice esecutiva della Antiquities Coalition, un’organizzazione che si batte contro il traffico di manufatti culturali, delle reliquie che il Met ha consegnato alle autorità statunitensi o rimpatriato. “In quale altro contesto potresti fare notizia così spesso per detenzione di proprietà rubate senza subire conseguenze?”.

In una dichiarazione, il portavoce del Met Kenneth Weine ha affermato che il museo è impegnato nella raccolta responsabile delle antichità e che ha l’obbligo di ricercare i registri di proprietà dei pezzi ed essere trasparente su di essi. Dei sequestri di luglio, ha affermato che il museo sostiene le indagini del procuratore distrettuale e il rimpatrio dei pezzi.

“Il museo è leader nel campo nella revisione completa di singole questioni e ha restituito molti pezzi sulla base di un’analisi approfondita, spesso in collaborazione con le forze dell’ordine ed esperti esterni”, ha affermato Weine. “Le norme sulla raccolta sono cambiate in modo significativo e le politiche e le procedure del Met a questo riguardo sono state costantemente riviste negli ultimi 20 anni”.

Redazione

Post a Comment