La proposta del presidente del Messico: “Una pace globale per cinque anni”

La proposta del presidente del Messico: “Una pace globale per cinque anni”

ROMA – Creare una commissione costituita da tre grandi leader mondiali per arrivare in tempi brevi a un cessate il fuoco globale di cinque anni: è la proposta che il presidente del Messico Andres Manuel Lopez Obrador, conosciuto anche come Amlo, intende presentare formalmente alle Nazioni Unite. A renderlo noto è stato lo stesso capo dello Stato nel corso del suo quotidiano incontro con la stampa di oggi.

Sollecitato dai cronisti sui bombardamenti delle forze armate israeliane sulla città palestinese di Gaza, responsabili della morte di oltre 40 persone, fra le quali diversi minori, il capo dello Stato messicano è tornato a proporre l’idea di una tregua globale. L’invito era già stato formulato la settimana scorsa, sempre rispondendo alle domande dei giornalisti, in quel caso sulle tensioni fra Cina e Stati Uniti rispetto alla situazione a Taiwan. “Farò la proposta per iscritto e la presenterò all’Onu, con la speranza che i media ci aiutino a diffonderla“, ha affermato Amlo senza fornire dettagli sulle tempistiche, come riporta il quotidiano La Jornada.

Il capo dello Stato ha evidenziato che le tensioni che si sono verificate nel mondo solo nell’ultimo anno “hanno accelerato la crisi economica globale, aumentato l’inflazione e causato carenza di cibo, più povertà e, quel che è peggio, la morte di tanti esseri umani“. Lopez Obrador ha messo particolare enfasi sull’operato di Stati Uniti, Russia e Cina, che sarebbero i principali responsabili dell’instabilità a livello globale e quindi i Paesi a cui per primi andrebbe fatta accettare l’idea del cessate il fuoco.

Così come concepita da Amlo, la tregua riguarderebbe sia i conflitti armati che quelli combattuti sul piano commerciale. Secondo il presidente messicano, la commissione incaricata di giungere all’accordo per il cessate il fuoco mondiale dovrebbe essere composta da Papa Francesco, il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres e il primo ministro indiano Narendra Modi.

Brando Ricci – dire.it

Post a Comment