Alec Baldwin si unisce alla chiamata per proteggere gli attivisti indigeni

Alec Baldwin si unisce alla chiamata per proteggere gli attivisti indigeni

L’affermato attore americano e attivista ambientalista, Alec Baldwin, ha parlato al quartier generale delle Nazioni Unite a New York contro la violenza perpetrata contro gli attivisti indigeni che difendono le loro terre e foreste dallo sfruttamento. 

Parlando a margine del Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene , Baldwin ha affermato che, in media, quattro difensori dell’ambiente hanno perso la vita ogni settimana nel 2017. La maggior parte di loro erano indigeni. “Le persone che protestano per il bene superiore di tutto il popolo (…) sono criminalizzate e le persone che li uccidono vagano liberamente”, ha detto Baldwin.

Invitando i governi a perseguitare queste atrocità, motivate dalla ricerca del profitto di alcune società, Baldwin ha sottolineato che le persone in ogni parte del mondo possono anche favorire il cambiamento attraverso scelte di consumatori consapevoli e responsabili.

“Continuo a credere che il maggior numero di persone in tutto il mondo voglia fare la cosa giusta”, ha detto. “Quante persone sceglierebbero di uccidere gli indigeni per aumentare la quantità di carne che mangiano o quanto petrolio bruciano?”

Baldwin era al Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene per moderare un evento collaterale ospitato dall’Onu sui difensori forestali indigeni . Un altro relatore dell’evento, l’attivista indigeno indonesiano, Rukka Sombolinggi, ha lanciato un appello straziante per le scelte responsabili dei consumatori di “smettere di mangiare con sangue e lacrime [dei popoli indigeni]”.

La sig.ra Sombolinggi ritiene che la sicurezza delle popolazioni indigene possa essere migliorata istituendo migliori canali di comunicazione con i consumatori e disinvestendo dalle società coinvolte nella violenza contro le popolazioni indigene. “Dobbiamo assicurarci che non ci siano più investimenti per le aziende che ci uccidono”, ha esortato.

Le popolazioni indigene “non si oppongono mai allo sviluppo”, ha spiegato la signora Sombolinggi, ma si aspettano che le compagnie coinvolte rispettino i loro diritti al consenso libero, previo e informato. Altrimenti, i progetti di sviluppo rischiano di diventare un’aggressione.

La 18a sessione del Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene, che si concentra sulla protezione della conoscenza tradizionale indigena, ha avuto luogo il 3 maggio 2019. (fonte onu)

Redazione

Post a Comment

#Seguici su Instagram